LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

L’art 5 del DM 269/2010 al comma 1 regolamenta le tipologie ed i requisiti minimi di qualità delle attività d’indagine, esercitate “nel rispetto della legislazione vigente e senza porre in essere azioni che comportino l’esercizio di pubblici poteri, riservate agli organi di polizia e dalla magistratura inquirente”.

ATTIVITA’ DI INDAGINE IN AMBITO PRIVATOL’attività di indagine in ambito privato è volta alla ricerca ed alla individuazione di informazioni richieste dal privato cittadino, anche per la tutela di un diritto in sede giudiziaria, che possono riguardare, tra l’altro, l’ambito familiare, matrimoniale, patrimoniale e la ricerca di persone scomparse.

ATTIVITA’ DI INDAGINE IN AMBITO ANZIENDALE: L’attività di indagine in ambito aziendale viene richiesta dal titolare d’azienda ovvero dal legale rappresentante o da procuratori speciali a ciò delegati o da enti giuridici pubblici e privati volta a risolvere questioni afferenti la propria attività, richiesta anche per la tutela di un diritto in sede giudiziaria, che possono riguardare, tra l’altro: azioni illecite da parte del prestatore di lavoro, infedeltà professionale, tutela del patrimonio scientifico e tecnologico, tutela di marchi e brevetti, concorrenza sleale e contraffazione di prodotti.

ATTIVITA’ DI INDAGINE IN AMBITO COMMERCIALEL’attività di indagine in ambito commerciale è richiesta dal titolare dell’esercizio commerciale ovvero dal legale rappresentante o da procuratori speciali a ciò delegati, volta all’individuazione ed all’accertamento delle cause che determinano, anche a livello contabile, gli ammanchi e le differenze inventariali nel settore commerciale, anche mediante la raccolta di informazioni reperite direttamente presso i locali del committente.

ATTIVITA’ DI INDAGINE IN AMBITO ASSICURATIVOL’attività di indagine in ambito assicurativo viene richiesta dagli aventi diritto, privati e/o società di assicurazioni, anche per la tutela di un diritto in sede giudiziaria, in materia di: dinamica dei sinistri, responsabilità professionale, risarcimenti sul lavoro, contrasto dei tentativi di frode in danno delle società di assicurazioni.

ATTIVITA’ DI INDAGINE DIFENSIVAL’attività di indagine difensiva è volta all’individuazione di elementi probatori da far valere nell’ambito del processo penale, ai sensi dell’articolo 222 delle norme di coordinamento del codice di procedura penale e dall’articolo 327­bis del medesimo Codice.

ATTIVITA’ DI INDAGINE PER L’OTTENIMENTO DI INFORMAZIONI COMMERCIALIL’attività d’indagine rivolta all’ottenimento di informazioni commerciali: è richiesta da privati o da enti giuridici pubblici e privati, e riguarda “la raccolta, analisi, elaborazione, valutazione e stima di dati economici, finanziari, creditizi, patrimoniali, industriali, produttivi, imprenditoriali e professionali delle imprese individuali, delle società anche di persone, persone giuridiche, enti o associazioni nonché delle persone fisiche, quali, ad esempio, esponenti aziendali, soci, professionisti, lavoratori, parti contrattuali, clienti anche potenziali dei terzi committenti, nel rispetto della vigente normativa nazionale e comunitaria in materia di tutela della privacy.